Absolue d’Osmanthe e Santal du Pacifique: le ultime creazioni di Perris disponibili anche in estratto.

C’è chi bada solo al marchio, alla moda e al design e trascura, in tutti i sensi, l’essenza del profumo (la maggioranza) e chi punta tutto sulle materie prime, su come miscelarle per creare una soluzione sublime non solo per l’olfatto ma anche per la pelle. E’ a questa seconda categoria che si rivolge Perris Monte Carlo, casa profumiera nata nel 1981 sulla scorta di un’esperienza cinquantennale da parte della famiglia fondatrice. Oggi le fragranze Perris sono ancora considerate dei veri e propri capolavori nel settore perché, nonostante l’industrializzazione dilagante, si sono conservate uniche e autentiche proprio come nei primi anni di attività. Michele Perris, fondatore e ideatore della maison, ha infatti sempre avuto una forte passione per i veri profumi, quelli realizzati con formule naturali e le materie prime di qualità eccelsa. Caratteristiche che la casa profumiera ha preservato anche dopo il trasferimento della sede da Milano a Monte Carlo, dopo il passaggio della gestione dell’azienda da Michele Perris ai suoi quattro figli e in tutte le ultimissime creazioni.

La collezione – L’intera collezione Perris è incentrata su un tipo di fragranza orientale, estremamente classica e per questo sempre attuale. I creatori di queste particolarissime formule, hanno unito diverse essenze scoperte perlopiù viaggiando in giro per tutto il mondo e con la conoscenza delle culture più disparate ma è in oriente che sono state isolate le migliori materie prime. Tra le caratteristiche che contraddistinguono il marchio Perris, c’è sicuramente la distinzione tra fragranza ed essenza. Mentre la prima è più tradizionale, la seconda esalta all’ennesima potenza la qualità e utilizza tecniche di estrazione più sofisticate così da ottenere il massimo  dell’esperienza olfattiva. Un  procedimento del tutto nuovo che sta ricevendo riscontri importanti di pubblico e di critica. «Molti pensano – spiegano i creatori - che un estratto sia più aggressivo o invadente di una eau de parfum. In realtà è l’esatto contrario: nell’ eau de parfum c’è una maggiore concentrazione di alcool; l’alcool rende più volatili le materie prime e l’impatto in testa è più forte e aggressivo». Le ultime due creazioni della collezione, disponibili presso il nostro punto vendita - in via in via Pietrangelo Leone a Fondi (LT) - in entrambe le varianti, fragranza ed estratto, sono Absolue d’Osmanthe e Santal du Pacifique. Si tratta di un vero e proprio valore aggiunto per la nostra attività in quanto non in tutti i punti vendita sono disponibili gli estratti. La maison di Monte Carlo ha infatti selezionato alcuni rivenditori di nicchia affinché questi prodotti d’eccellenza siano destinati esclusivamente ad un pubblico di veri intenditori e la nostra affezionata clientela è ritenuta tale.

Absolue d’Osmanthe e Santal du Pacifique  - L’ Osmanthus, albero originario dell’Asia che cresce dall’Himalaya alla Cina, è un grande arbusto dritto che può arrivare fino a 6 m di altezza. Durante l'inverno e all'inizio della primavera, questo alberello è coperto di fiori bianchi o giallo-arancio, tanto fragili quanto profumati. E’ proprio per questo motivo che l’Osmanthus, conosciuto in oriente da circa duemila anni, nella cultura cinese è diventato simbolo di nostalgia. La sua essenza ricorda vagamente l’albicocca e, nell’elaborazione Perris, è stato miscelato a note di cuoio e frutta. L’ osmanthus assoluto, del resto, è molto costoso e viene utilizzato esclusivamente nella profumeria di fascia alta. Il Gelsomino Sambac ed il legno di sandalo rafforzano la parte intrigante ed enigmatica di questo profumo. L’estratto, più deciso ma al contempo più raffinato, esprime sensazioni di magnificenza, lusso ed eleganza. Santal du Pacifique, invece, come suggerisce il nome stesso, trae spunto invece dai paradisi incontaminati delle isole del Pacifico, dove la natura è viva e selvaggia. Ed è proprio in una di queste terre lontane che vive il Sandalo, un albero sempreverde alto fino ad una decina di metri. Tra le peculiarità di questa specie è che dalla distillazione della parte centrale del tronco e delle radici se ne può ricavare dell’olio. Il suo successo è legato alla credenza di poter placare la parte razionale della mente, consentendo di entrare in rapporto con gli stadi più profondi del proprio essere. Non a caso l’incenso prodotto dal sandalo è usato come aiuto per la meditazione. Poiché quest’albero è in via d’estinzione, è praticamente introvabile per la profumeria (si trovano soprattutto oli essenziali minori come l’Amyris). Per maturare ed essere ricca del prezioso olio, la pianta impiega infatti dai 20 ai 30 anni, inoltre le concentrazioni maggiori non si hanno nelle piante verdi o tagliate da poco, ma nelle piante morte, sia cadute o ancora erette. Santal du Pacifique è un profumo ipnotico e misterioso in cui calde note legnose, cremose e vellutate sviluppano un calore avvolgente.

Scorrere fino a Top